Proseguendo la navigazione in questo sito, accettate l'utilizzo di cookies che ci consentono di migliorare la vostra esperienza come utenti.
Per ulteriori informazioni.
Avete trovato le informazioni che cercavate?
No
Grazie per averci fornito le vostre risposte!
Grazie per la sua risposta. Siamo spiacenti che non sia riuscito a trovare ciò che cercava.
Non esiti a indicarci con precisione la sua richiesta, sarà un piacere per noi poterla aiutare.
Consigli

Una piscina correttamente trattata è un posto sicuro

pubblicato il martedì 19 maggio 2020 |

In questi tempi di incertezza e con il timore del Coronavirus sempre presente nella mente delle persone, diamo un'occhiata alle piscine, al potenziale rischio di contagio e quindi a tutte procedure necessarie e al trattamento dell’ acqua per assicurare che la piscina resti e rimanga un posto sicuro per tutti.
La domanda principale che tutti si pongono è:
1. Se le piscine sono clorate secondo le attuali raccomandazioni e protocolli, ciò è sufficiente per neutralizzare il virus COVID-19?
E secondariamente:
2. Gli utenti dovrebbero fare qualcosa di aggiuntivo che prima non erano soliti fare?

Diamo un'occhiata al virus, SARS-CoV-2

 

Covid-19 è la malattia respiratoria causata dal virus SARS-CoV-2, che tutti noi chiamiamo Coronavirus.ÈsolounodeisetteCoronaviruschepossonoinfettaregliesseriumani,come la SARS (sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus) e MERS (sindrome respiratoria mediorientaleCoronavirus)4.

Questa famiglia di virus ha proprietà fisiche e biochimiche simili e processi di trasmissione comparabili.


Ilmaterialegeneticodelvirusèpresenteall'internodistruttureproteichechiamatecapside. I virus sono divisi in tre gruppi a seconda che siano circondati da una membrana lipidica esterna (avvolta) o no (non avvolta). A seconda del loro gruppo, la difficoltà ad eliminarlo varia5.

I virus avvolti sono più facili da eliminare: SARS-CoV-2, il virus responsabile dell'epidemia COVID-19, è un virus avvolto e quindi il più facile da eliminare.

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che una concentrazione residua di cloro di ≥0.5 mg/l nell'acqua in un lasso di tempo pari a 30 minuti a contatto con un livello di pH <8,0 è sufficiente per uccidere i virus avvolti come i Coronavirus2. Nella tabella ci sono le condizioni parametriche in cui vengono neutralizzati i virus piùresistenti. 

Il diagramma mostra diversi livelli di efficacia per neutralizzare diversi virus e agenti patogeni. Il Coxsackievirus, il Poliovirus e il Rotavirus sono esempi di virus non avvolti. Si puòvederechequestisononeutralizzatiacloroCtinferiorea15mg-min/litro.(Ilvalore Ctèilprodottodellaconcentrazionediundisinfettante(adesempioclorolibero)eiltempo di contatto con l'acqua dadisinfettare).

Pertanto un virus avvolto come il virus COVID-19 sarebbe situato nell'area verde del diagramma e viene neutralizzato a valori Ct ancora bassi.

Come mostrato nel diagramma,la disinfezione UV amplifica significativamente lo spettro di efficacia contro altrivirus.

La luce ultravioletta ha la capacità di distruggere il genoma (DNA / RNA) di virus, batterie funghi, inclusi i coronavirus. I disinfettanti standard sono efficaci contro SARSCoV-2 ma come ulteriore livello di protezione e / o per proteggere da possibili errori nel processo di disinfezionemanuale,laluceultraviolettapuòessereutilizzataperdisinfettarel'acquadella piscina dopo il completamento del processo di disinfezionechimica.(8)

Conclusioni

Risposta alla domanda 1: Se le piscine vengono clorate secondo le attuali raccomandazioni e pratiche, questo procedimento è sufficiente per neutralizzare il virus COVID-19?

Sì, per una piscina con una buona struttura idraulica e di filtrazione, funzionante il numero di ore previste da progetto, si ottiene una qualità dell'acqua adeguata mantenendo un livello di cloro libero di ≥ 0,5-1 mg / l in tutta la piscina.

Ciò significa: con un livello di cloro libero di ≥ 0,5-1 mg / l l'acqua non solo è sanificata, ma ha anche un potenziale sanificante per contrastare eventuali virus o germi che possono essere immessi nella stessa.(9)

L’automazione è molto raccomandata per comodità. (In caso contrario, sulla persona incaricata della gestione della piscina ricade la responsabilità degli utenti.)

La misura di routine dei valori principali è essenziale (valore del pH  e livello di cloro libero (ad es: con DPD-1); può essere effettuata manualmente o automaticamente.

Piscine residenziali: il corretto livello di cloro libero nell'acqua della piscina può essere raggiunto dosando le pastiglie di cloro solido o cloro liquido. Un'automazione di questo processo di dosaggio e regolazione è possibile e altamente raccomandata. Un'altra buona alternativa è quella di utilizzare i dispositivi come l’elettrolisi che generano automaticamente cloro libero attivo dal sale disciolto nell'acqua della piscina.

Per amplificare lo spettro della disinfezione, come ulteriore livello di protezione e per proteggere da possibili errori nel processo di disinfezione manuale, è possibile installare dispositivi a luceultravioletta(UV)perdisinfettarel'acquadellapiscina(incombinazioneconildosaggio del cloro o la clorazione con elettrolisi).

L'automazione quindi è molto raccomandata così come la misurazione automatica dei valori principali da parte di un analizzatore intelligente (Blue Connect, I Aqualink, Fluidra Connect ecc).

 

Piscine ad uso pubblico: Per massimizzare la sicurezza, la raccomandazione è l'automazioneditutteetrelefasi:laregolazionedelvaloredipH(1),ladisinfezione(2) e la misurazione continua(3).

(1)  Una corretta regolazione del valore del pH tra 7,2 e 7,6 sarà essenziale per garantire l'efficacia delladisinfezione.

(2)  Per amplificare lo spettro della disinfezione, l'uso di UV è altamente raccomandato in combinazione con il dosaggio del cloro.

(3)  La misurazione continua dei livelli di pH e cloro e la regolazione automatica di questi parametri sono indispensabili nelle piscine pubbliche. Raccomandazione: permettere la visualizzazione dei valori per gli utenti, in modo che siano pienamente informati sulla qualitàdell'acqua.

 

Risposta alla domanda numero 2: Gli utenti dovrebbero fare delle attività aggiuntive rispetto al normale?

Come nella nostra vita quotidiana raccomandiamo di mantenere un'adeguata igiene personale. Ad esempio, in caso di rischio di contatto con superfici come panche, porte o pomoli, si consiglia di lavarsi le mani e/o disinfettarle. Consigliamo ai bagnanti di fare sempre la doccia prima e dopo il bagno in piscina. Si consiglia inoltre di lavare spesso costumi e asciugamani, per eliminare tutti i batteri o virus.

Oltre all'acqua della piscina, si consiglia di mantenere disinfettate le aree circostanti della piscina, così  come  le  attrezzature: docce,  scale, pavimentazioni, bordi, sdraio ecc...,  applicando prodotti appositamente indicati per questouso.

Ulteriori informazioni https://www.youtube.com/watch?v=PyqIPP1L5mc

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

(1)  Guidelines for drinking-water quality, fourth edition, incorporating the first addendum. Geneva:                 World                        Health                 Organization;        2017

(http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/254637/1/9 789241549950-eng.pdf, accessed3 March2020)

(2)  Water, sanitation, hygiene and waste management for COVID-19. Technical brief. 19 March 2020. (https://www.who.int/publications-detail/water-sanitation-hygiene-and- waste-management-for-covid-19)

(3) PWTAG Code of Practice for Swimming Pool Water – 2016 Updated to reflect the requirements of Managing Health and Safety in Swimming Pools (HSG179) jimbutterworth.co.uk/2pwtag.pdf

(2)  https://    https://www.wef.org/news-hub/wef-news/the-water-professionals-guide-to-the- 2019-novel-coronavirus/ accessed 2nd March2020

(3)  Select Effective Disinfectants for Use Against the Coronavirus That Causes COVID-19. (https://www.infectioncontroltoday.com/environmental-services/select-effective- disinfectants-use-against-novel-virus-covid-19) accessed 2nd March2020)

(4)  Environmental Protection Agency Water Treatment Manual Disinfection 2011. (https://www.epa.ie/pubs/advice/drinkingwater/Disinfection2_web.pdf)

(5)  Effect of Chlorination on Inactivating Selected Pathogen. Centers for Disease Control & Prevention.(https://www.cdc.gov/safewater/effectiveness-on-pathogens.html)

(6)  About UV disinfection.(https://www.researchgate.net/publication/339887436)

(7)  About Hydrogen peroxide, known as liquid active oxygen in the swimming pool market ( https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/203115 ) : “H2O2 in a 3 percent concentration inactivated all the viruses under study within 1--30 min. Coronavirus and influenza viruses were found to be most sensitive. Reoviruses, adenoviruses and adenoassociated virus were relatively stable. H2O2 is a convenient means for virus inactivation.” Recommended concentration in pool water: 10 – 30 ppmH2O2.

Potassiumperoxymonosulfate,knownassolidactiveoxygeninpools,respecting the recommended concentration of 5 - 10 ppm KMPS in water is also convenient to act against virus.(https://www.epa.gov/pesticide-registration/list-n-disinfectants-use-against- sars-cov-2)

Bromine in its different forms (Br2, BrCl, HOBr-) are used in swimming pools and spas (jacuzzi). The use of Bromine to inactivate bacteria, viruses and protozoa has been reported in a number of laboratory-scale disinfection studies (Kim,        2014). (https://www.who.int/water_sanitation_health/publications/bromine- 02032018.pdf?ua=1)Recommendedresiduallevels:1-3ppminresidentialpools;3-5ppm in residentialspas.

Others:

Guidelinesforsaferecreationalwaterenvironments.Volume2Swimmingpoolsandsimilar environments.                                              Publication                         WHO,                                              2006.

(https://www.who.int/water_sanitation_health/publications/safe-recreational-water- guidelines- 2/en/)

APRIL 2020

pubblicato il martedì 19 maggio 2020 |